LA QUARANTENA, L’OLFATTO, LA LIBERTÀ

LUGLIO, UNA SIRENA E LA PLASTICA
2 Marzo 2020
IL RASOIO, SWEENEY TODD E PROFONDO ROSSO
4 Agosto 2020

Quanto è bella la lingua italiana, con le sue parole più o meno armoniose, più o meno spaventose. Q U A R A N T E N A


Questa è una parolona, che può piacere o meno, ma possiamo forse essere d’accordo sul dire che ‘quarantena’ suona diversamente da ‘idillio’ o che dire da ‘luculliano’.
Ci sono parole che evocano dei mondi immensi e rigogliosi e se non si fosse capito, sono molto affezionata alla lingua e sin da piccola quando leggevo un libro, cerchiavo le parole che non conoscevo e andavo a leggere il significato sul vocabolario e poi le ripetevo durante la giornata e cercavo di formulare frasi nella mia testa, introducendo i nuovi vocaboli.
E le immagazzinavo, facendone una bella scorpacciata.

Perché sto parlando di parole e mondi? Perché siamo in quarantena e se non stai attento, potresti credere che quello che hai davanti al naso sia tutto quello che c’è.
Ma mai come in questo periodo, ci tengo a ricordarvi che la fantasia e la capacità di vedere oltre sono come quando cammini nel deserto e dopo sette ore senza acqua e le labbra secche, trovi un’oasi. E ti salvi.

Art by Isabelle Feliu

Io creo i miei mondi e le mie fughe in vari modi, mi sono allenata per ventotto anni a farlo e oggi mi viene naturale.
Vedo la quarantena come un momento di riposo, una bellissima occasione per stare calmi. Per fare poco anzi pochissimo e semplicemente essere.
Per alcuni, una delle cose più difficili al mondo.

Per me, lunga vita al mio olfatto.
Dei cinque sensi, da sempre il più sviluppato, delicato, sensibile.
Mi basta sentire un odore che ricollego a un brutto momento, per cambiare umore. Ma ho imparato a calibrare questa reazione, perché non voglio certo essere in balìa delle emozioni. Certo è che la mia natura è questa.

Ricordo le persone in base ai loro odori e li immagazzino come da piccola e tutt’ora immagazzino vocaboli.
Un buon profumo, in un brevissimo secondo può farmi stare bene per tutta la giornata.

E allora in questi giorni di quarantena ho cercato di rendere bellissime le mie giornate, un po’ leggendo libri favolosi, un po’ ascoltando podcast ben mirati, un po’ tenendo magico il contatto coi miei cari amici, mangiando buon cibo, godendo di ogni parte del giardino con camminate rigeneranti e sempre dando massima priorità alla mia respirazione. Se lei sta bene, io sto benissimo.

Vi ho parlato di tutto questo perché ci sono stati dei prodotti in particolare, che hanno deliziato il mio olfatto e che quindi mi hanno aiutata immensamente a sentirmi più in pace e felice.
Ve li elenco qui di seguito e se siete un po’ come me, potrebbero rendere tutto più lieto anche per voi.


L’OLIO CORPO TROPICALE DI LANI

Non voglio elencare gli ingredienti di questo olio perché quelli potete vederli nella descrizione del prodotto che c’è in negozio.
Ma vorrei tanto che in questo momento immaginiate una spiaggia tropicale, magari con degli hibiscus qua e là, delle palme altissime e la pelle del vostro corpo che scintilla per una combinazione di sabbia e sale. Magia.
Bene, questo è quello che vedo io ogni volta che all’uscita della doccia massaggio la pelle ancora umida, con quest’olio.


IL SAPONE VISO E CORPO AL LEGNO DI CEDRO E ARANCIA DOLCE DI BOTTEGA ZERO WASTE

Al sapone non si fa mai caso. Ci laviamo le mani e mentre le laviamo stiamo sicuramente pensando a qualcos’altro.
Ma questo sapone mi fa essere presente nel momento, perché quando lo faccio scivolare tra le mani con dell’acqua, si apre un mondo.
Non vi racconterò mai bugie, questo lo avevo già promesso, ma meglio ribadirlo.
Sono molto affezionata agli agrumi e proprio in particolare a questi due, il cedro e l’arancio. Vanno a toccare qualcosa che non so spiegarvi davvero.


IL DEODORANTE ALLA LAVANDA E TEA TREE DI ZERO WASTE PATH

Ahh lui. Il più amato del reame. Dico davvero, ogni persona che lo ha comprato mi ha guardata con lo scetticismo più scettico possibile negli occhi (un deodorante in crema ma dai).
E tutti si sono innamorati.
Io quando lo metto sento una pace che mi pervade. Sarà la lavanda. Ma sarà anche l’abbinamento col tea tree che davvero crea un connubio paradisiaco.
Sarà quel che sarà, ma io non me ne separerò mai.


IL DETERGENTE VISO ALLA MENTA BLU E AVENA DI LANI

Questo detergente viso è parecchio sbarazzino.
Mi sveglio la mattina e faccio i miei esercizi di meditazione e poi vado per lavarmi il viso e nell’istante in cui verso un po’ del prodotto (si presenta sotto forme di polvere) sul palmo della mano, bum: zaffata di menta e avena. Che combo.
Mi aiuta a svegliarmi e poi è divertente perché quando aggiungi l’acqua alla polvere diventa color blu elettrico (per via della presenza di spirulina). Magia portami via!

Eccoli, i miei sotterfugi olfattivi per rendere più soave la quarantena.

On a side note, spero che stiate tutti bene e che stiate sfruttando questo periodo per fare le cose che di solito non potete fare.


“Some days are for falling in love with people, some days for cities,
and some for your time in solitude”
_Akif Kichloo

Con tanto amore xx
Elisabetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *